Che differenza c’è tra energia rinnovabile e sostenibile? Facciamo chiarezza!

differenza-tra-energia-rinnovabile-e-sostenibile

Tutela dell’ambiente e risparmio: ecco qual è la differenza tra energia rinnovabile e sostenibile

Ormai è una certezza: l’utilizzo dell’energia green è l’unica via percorribile per soddisfare il bisogno energetico mondiale, in un’ottica di risparmio e riduzione dell’impatto ambientale.

A tal proposito, si parla di energia rinnovabile e di sviluppo sostenibile, ma qual è la differenza tra energia rinnovabile e sostenibile e come utilizzarla in casa e in azienda?

Partiamo dalla definizione di questi due concetti.

Cosa vuol dire energia rinnovabile?

L’energia rinnovabile è quella prodotta da fonti che non si esauriscono nel tempo e che, parallelamente, inquinano in misura minima o accettabile (acqua, sole, maree, vento); l’energia prodotta con combustibili fossili, invece, si avvale di energie non rinnovabili, quindi esauribili e che inquinano (ad esempio gas, petrolio, carbone e gas naturale).

Cosa vuol dire energia sostenibile?

Con energia sostenibile ci si riferisce a quel tipo di produzione di energia elettrica proveniente da fonti sostenibili (come acqua, sole, biomassa e vento), che implica uno sviluppo sostenibile e che, quindi, si pone l’obiettivo di tutelare l’ambiente, grazie anche all’efficienza energetica.

Infatti, l’utilizzo di energia elettrica sostenibile permette di ridurne la produzione tramite centrali nucleari, a carbone e combustibili fossili, che inquinano, danneggiano l’ambiente e la salute dell’uomo.

Quindi qual è la differenza tra energia rinnovabile e sostenibile?

L’energia rinnovabile è quel tipo di energia prodotta da fonti che non si esauriscono, mentre, se parliamo di energia sostenibile teniamo in considerazione anche l’efficienza della produzione e del consumo.

Infatti, non sempre le energie rinnovabili possono essere ritenute sostenibili, in quanto la loro efficienza di produzione dipende da diversi fattori: l’energia solare, ad esempio, può essere prodotta solo in zone con sufficiente irradiamento solare, quella eolica necessita di impianti con forte impatto visivo e così via.

Come creare energia sostenibile a casa e in azienda

Abbiamo visto la differenza tra energia rinnovabile e sostenibile, che riguarda l’efficienza energica della quale avvalersi per produrre energia pulita in azienda e a casa.

Per raggiungere questo obiettivo è, quindi, necessario scegliere gli strumenti più adeguati e ottimizzare il loro utilizzo. Tra i migliori possiamo senz’altro annoverare:

  • Impianto solare termico: attraverso i pannelli solari cattura l’energia rinnovabile del sole, che può essere utilizzata in ambito casalingo, ad esempio per alimentare caldaie (che solitamente vanno a gas) e, quindi, scaldare casa e ottenere acqua sanitaria.
  • Impianto fotovoltaico: un impianto costituito da moduli fotovoltaici che sfruttano l’energia solare per produrre energia elettrica, quindi, utile per alimentare gli elettrodomestici.

Per ottenere l’energia sostenibile è però importante affidarsi a degli esperti del settore che sappiano dimensionare l’impianto fotovoltaico e quello solare, così da ottenere l’efficienza energetica necessaria a soddisfare le esigenze specifiche.

Ora che conosci più a fondo il tema rivolgiti agli operatori di Ecotecno Group, che da anni operano nel settore e possono provvedere ad effettuare un sopralluogo per consigliare le soluzioni green più adeguate.

    Desideri maggiori informazioni?