L’86% degli italiani vuole…

fotovoltaico italia ecotecno group

Il fotovoltaico.

Recentemente è stato presentato il XV rapporto “Gli italiani, il solare e la Green economy”.

Si tratta di uno studio sull’energia rinnovabile presentato a Milano durante l’evento “Innovazione e rinnovabili per un ambiente sano e una migliore qualità della vita. Record di CO2 e polveri sottili in atmosfera”, realizzato dalla fondazione UniVerde e IPR Marketing in collaborazione con Cobat e patrocinato dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Il risultato è questo: gli italiani desiderano più fotovoltaico, più sistemi di accumulo e più auto elettriche.

Secondo lo studio circa l’86% degli intervistati dichiara che l’Italia dovrebbe puntare sull’energia solare. È questa la fonte di energia rinnovabile più gettonata e desiderata dagli italiani, in testa all’eolico (66%) e ai combustibili fossili e il nucleare (che assieme compongono solo il 5% del campione).

Sempre secondo lo studio, il 93% degli italiani reputa l’energia solare più compatibile e sostenibile rispetto alle fonti tradizionali. Riguardo alla sicurezza, il 91% degli intervistati crede che il solare sia la fonte di energia più sicura.

fotovoltaico italia ecotecno group

Non solo fotovoltaico

Il rapporto fa emergere anche notevole importanza data ai sistemi di accumulo.

“Dal rapporto” dichiara Alfonso Pecorare Scanio, ex Ministro dell’Ambiente e Presidente della Fondazione UniVerde, “ emerge inoltre la crescente sensibilità verso i sistemi di storage. Il 78% investirebbe in un sistema combinato di moduli fotovoltaici e batterie e l’84% è favorevole ad incentivi per l’accumulo di energia. Abbiamo le migliori e promettenti tecnologie a livello europeo, ma paghiamo l’assenza di politiche efficienti che puntino a migliorare la vita dei cittadini. Il Governo deve dare risposte concrete ai desideri degli italiani e non perdere il passo rispetto agli altri Paesi.

Gli italiani sono pronti al fotovoltaico.

E tu?

Se vuoi saperne di più clicca qui.

 

ing. antonio laviano

Ing. Antonio Laviano

Ufficio tecnico

 

 

 

3 Responses to L’86% degli italiani vuole…

  1. guglielmo ha detto:

    Non capisco perché i proprietari di impianti fotovoltaici domestici nonostante producano energia pulita a favore della collettività debbano pagare su ogni fattura: Altri importi materia energia; Spesa per il trasporto energia elettrica e gestione contatore e, a fine anno altri 23,49 euro per servizio misura di energia elettrica prodotta nell’anno a Enel Distribuzione. La beffa continua perché a chi ha un impianto come me paga ai gestori 0,24 centesimi circa al Kwh mentre ne riceve 0,3 centesimi dal GSE per l’energia immessa in rete. Penso che il rimborso debba essere corrisposto alla pari del costo energia pagato all’Enel o altri gestori altrimenti si puo’ ingenerare sfiducia da parte dei consumatori nell’acquisto di un impianto fotovoltaico. Chiedo un vostro parere in merito. Grazie

    • Ecotecno Group ha detto:

      Buongiorno Guglielmo,
      gli impianti fotovoltaici vanno realizzati non in ottica di immettere in rete energia (centrali di produzione convenzionali) ma in ottica di generare un risparmio sui consumi (scambio sul posto). Considerando la media a consuntivo dello SSP 2016 il GSE ha rimborsato 14 centesimi di euro per ogni kWh scambiato, pertanto la sua lungimiranza dovrebbe essere quella di tarare l’impianto sui suoi consumi, di modo da ottenere un risparmio in bolletta diretto del 30-70% (in funzione della presenza o meno di un sistema di accumulo) per poi scambiare il resto dell’energia. Lasciamo la produzione, cessione e vendita ai produttori convenzionali e concentriamoci sul risparmio nel nostro interesse.

  2. Tommaso Raucci ha detto:

    oggi andrebbero bene anche 1.5 kw, purchè su tutto il territorio, al fine di abbattere anche le sanzioni dal protocollo di kyoto e gli effetti dell’inquinamento,ovviamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Desideri maggiori informazioni?

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy
Desidero essere contattato